Verso Europa in Versi con Choi Dongho



Quando hai capito che la poesia era una parte inevitabile della tua vita?

Un giorno di primavera, quando mi diplomai alla scuola media, dissi a uno dei miei amici intimi che avrei perseguito una carriera letteraria. Ma la poesia divenne la mia scelta inevitabile quando uno dei miei amici del liceo lesse una poesia in una classe. Attraverso la mia carriera letteraria all'università per oltre 30 anni, insegnando e discutendo di poesia come critico letterario, fu solo dopo anni che la poesia divenne l'ultimo obiettivo della mia vita.


Perché scrivi in poesia? E se non scrivi solo poesia, cosa ti fa propendere a volte sì e a volte no, verso la scelta di questo linguaggio?

Ogni volta che mi veniva in mente un'idea, prendevo abitualmente degli appunti su di essa, senza i quali pensavo che la vita non avesse senso. Ero più interessato alla pittura che alla musica. Ma non è più uno strumento utile per me. Certo, scrivendo poesie, mi sento spesso frustrato dal linguaggio che uso.


Quale pensi sia il ruolo della poesia oggi?

Penso che la poesia faccia sì che l'uomo sia umano. Lo è ancora di più in quest'epoca. È attraverso il linguaggio della poesia che l'uomo, incompleto e pieno di desideri, riconosce la sua esistenza controllando o esprimendo se stesso.


In che modo può contribuire a migliorare la nostra società? Te lo chiediamo anche in relazione al tema del festival Europa in versi di quest’anno che è Località e Globalizzazione.

Man mano che i desideri crescono, l'uomo si carica di rabbia. È assolutamente necessario sublimarla. La differenza delle culture ci permette di guardarci con obiettività. Località e Globalizzazione, apparentemente diverse come sono, non sono affatto diverse. L'universalità nelle esperienze di Località attraverso le quali possiamo comprendere vari esseri umani aiuta l'uomo a svilupparsi in uno stadio più energico e globalizzato.


Come fa il poeta a trarre forza dalla propria "località" per essere universale? È possibile anche l’inverso?

Per esempio, la località della cultura coreana, se non si basa sull'universalità, non può acquisire la sua peculiarità o oggettività. L'individualità, a livello profondo, va in definitiva verso l'universalità, senza la quale il mondo non potrebbe uscire dal caos o dal disordine, lontano dal centro.


Nel passaggio da una lingua all’altra per la poesia si può parlare di traduzione o piuttosto di trasposizione, con sensi e significati che da un sistema culturale all’altro vanno persi, ma anche si aggiungono?

Per quanto riguarda il linguaggio della poesia, molto si può perdere nella traduzione da una lingua all'altra. Ma la traduzione offre un altro livello che aiuta ad approfondire e ad allargare l'orizzonte di una nuova esperienza. L'incontro di diversi esseri umani e culture permette la comunicazione al di là delle singole lingue, e la comunicazione può avere un potere spirituale al di là dell'imperfetto. Mi piacerebbe chiamarlo il potere dell'intuizione e della visione.


Poesia e prosa: oggi il confine tra i due generi è sempre più sfumato. Cosa pensi di questa tendenza?

Per quanto riguarda la poesia e la prosa, con i suoi diversi aspetti, la distinzione tra loro sembra essere confusa. Per certi aspetti, è legato alla crescente relazione e comunicazione delle culture globali e allo sviluppo delle macchine digitali. Si crea una nuova e dinamica cultura digitalizzata, con tutto ciò che può essere espresso mescolando versi e prosa. È la realtà attuale che non può essere rifiutata o negata.


In che cosa si esplicita per te il proprio del linguaggio poetico?

Il linguaggio poetico mira fondamentalmente alle canzoni. Ha il potere di muovere il cuore e l'anima umana. Ultimamente le canzoni sembrano prevalere sulla poesia, ma non ci possono essere canzoni senza poesia. Non possono essere divise.


La poesia e le nuove generazioni: poetry slam, cantautori… pensi che la poesia diciamo “tradizionale” possa felicemente contaminarsi con questi generi per interessare ampie fasce della popolazione giovanile?

Le nuove generazioni hanno bisogno di un maggior straripamento di sentimenti rispetto alla poesia tradizionale. Il cambiamento di tutti i media culturali che eccitano i loro sentimenti tenta la tendenza. Ma si considera che il linguaggio poetico è alla base dell'esplosione di tutti i sentimenti. È la funzione dei poeti esplorare il linguaggio poetico e ampliare l'orizzonte della comprensione. Tuttavia, le nuove generazioni tendono troppo ad assecondare i gusti dei lettori e a cercare la popolarità. Questa non è una direzione giusta. I poeti possono essere riconosciuti solo quando cercano profondamente il proprio mondo.


Vorresti dedicare una poesia al lago di Como, anche solo immaginando il paesaggio?

Mi aspetto molto dal bellissimo paesaggio del lago di Como. La Corea non è un paese con così tanti laghi. Vorrei esprimere qualcosa di nuovo dalle belle immagini della natura riflessa sul lago di Como.

Verso Europa in Versi con Choi Dongho_EN
.pdf
Download PDF • 70KB

Photo by Milad Fakurian on Unsplash

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti