Le politiche della scrittura poetica


Le politiche della scrittura poetica


La poesia è un risultato. Come lettori, non assistiamo al processo di scrittura. Raramente sappiamo perché gli scrittori hanno bisogno di scrivere poesie. Ci danno pochi indizi sul fatto che ritengano la scrittura necessaria o una fonte di piacere o entrambe le cose. La loro poesia è il risultato di ispirazione o sforzo? Perché alcuni sentono il bisogno di scrivere poesie che ad altri manca? La poesia è solo un testo o si può dire che è un modo di essere?

Finora, pochi poeti hanno scritto riguardo a questo processo. Il motivo non è che credono che sia un segreto professionale ma che il processo sia fugace, evanescente e doloroso da ripetere. Altri hanno preferito tacere su come scrivono poesie. Dopotutto, rivelare il processo che sta alla base della poesia potrebbe distruggere l'immagine sacra del poeta trasmessa dai romantici, dove il poeta è simile a un profeta. Il poeta, scoperto, sarebbe più simile a un artigiano. Il lettore, poeticamente illuminato, potrebbe rivaleggiare con lo scrittore.

Possiamo dire che la poesia è la capacità di convertire pensieri e sentimenti astratti in parole relativamente concrete. L'esistenza umana ha stretti legami con il linguaggio. Come dice Wittgenstein "I limiti della mia lingua sono i limiti del mio mondo". Per Gadamer, il testo è una conversazione, Ahmet Oktay allude a questa conversazione in una poesia “quante persone sono io in me stesso? Proprio come ho scritto

Io sono una famiglia

di una persona


né adesso

né qui


Pertanto, anche una persona che non parla con nessuno, conversa con se stessa. La prospettiva che la “solitudine” sia una condizione di lontananza dagli altri ha in sé un’idea di ricca unità interiore. A volte questa unità emerge in forma di romanzo, a volte come una poesia. Ma c'è differenza tra le due: mentre la prosa è una testimonianza, la poesia è solo "esistenza". Mentre la prosa apre uno spazio nel linguaggio, la poesia scava in profondità in quello spazio, nell'esistenza dell'uomo. La poesia risponde a domande alle quali la filosofia non sa rispondere. Le lotte esistenziali sono quelle liriche. La ragione e la deduzione da sole non sono sufficienti: possiamo affrontare esteticamente i nostri problemi nel regno della poesia.


In "A Theory of Literary Production" Macherey dice "La creazione è auto-moltiplicazione".

Preferisco definire la creazione non come moltiplicazione ma come molteplicità d’immagini. Nella mia poesia "Orange", dico:


Sono la polpa

dei sentimenti

che usi e mi getti via


In altre parole, pensieri e sentimenti spesso contro l'umanità come un nemico: questo campo di battaglia è la professione del poeta. Il filosofo francese Paul Ricouer definisce questo confronto il "sé come altro" perché siamo entrambi, siamo il nostro soggetto e oggetto.

È questione di sapere se i poeti scrivono perché ispirati o se si sforzano di scrivere. L'ispirazione fa parte della natura umana e dell'inclinazione personale. I poeti sono naturalmente inclini al linguaggio. La gente pensa che i poeti non solo devono scrivere ma anche leggere costantemente. Usano il linguaggio come una lanterna per illuminare l'ambiente circostante e illuminare loro stessi Per quanto riguarda l’impegno, credo che possa essere classificato sia nel lungo termine che nel breve termine. Nel lungo termine, i poeti devono sempre mettere la poesia al centro della vita - anche quando studiano la matematica hanno in mente la poesia, in cima alla loro immaginazione e pronta per essere messa per iscritto.

Nel breve termine, c'è il lavoro immediato di trasformare il sogno in parole, rileggere poesie e valutarne il tono. Si decide se l'immagine scritta è uguale all'immagine della mente, dove si trova il divario tra ciò che viene detto davvero e ciò che si intende dire se le immagini svelano una comprensione originale. I poeti terminano le poesie come se stessero incidendo l'immagine della loro anima su monete. Una volta terminata la poesia, il poeta trasmette felicemente la propria creazione al mondo. Come ho detto una volta in "Le poesie delle mille e una notte":


dal momento che sono felice

mentre scrivo

sui tappeti volanti

delle parole


Inoltre per quanto riguarda l'ispirazione: è sfuggente, viene catturata a malapena. È prematura e imprevedibile. È personale e inconscia. Quando sono ispirati, i poeti sono passivi, racchiusi da muri invisibili di immagine o melodia. La poesia si rivela come un percorso attraverso questo labirinto. Non si tratta di scegliere le parole ma di coordinare pensieri e sentimenti attraverso il linguaggio. Essere un poeta significa essere consapevoli di catturare materiale impalpabile e trasformarlo. Platone dice nel suo libro "Ione" "Il poeta è una cosa leggera, alata e santa". Credo che i poeti siano eccellenti spettatori dei loro mondi interiori e che la poesia nutra sia l'anima che la mente.

Per quanto riguarda il ruolo delle immagini nella poesia, la mente e l'immaginazione si posizionano in noi come la natura nel mondo esterno. Usare metafore e similitudini è un modo per comprendere noi stessi e la natura. Otteniamo potenti espressioni creando similitudini tra quelle cose legate direttamente alla nostra natura umana e quelle cose legate al più vasto mondo della natura, Ad esempio, come si possono combinare le parole "fiume" e "occhio" in una poesia? Se il tema è l'amore, come possiamo esprimerlo in modo sorprendente? I poeti non si pongono consapevolmente questa domanda. Di punto in bianco, l'immagine del fiume rumoroso che scorre appare all'improvviso davanti agli occhi interni del poeta. E poi il poeta dice:


Sto andando alla deriva

sul fiume che scorre

dai miei occhi ai tuoi occhi

("Dentro il Mistero")


Agli scrittori viene spesso chiesto "Perché scrivi?". Sebbene in questa lunga nota abbia cercato di rispondere a questa domanda, credo che questa frase di "Dio in pensione" risponda meglio in breve:


Sono più di un essere umano


La nascita di una poesia


La poesia è la rivelazione di un problema in modo estetico e raffinato. Dal momento che essere una donna e un poeta allo stesso tempo significa una ricchezza di tali problemi, le poetesse hanno poca difficoltà a trovare argomenti su cui scrivere. Nei paesi dell'Est è difficile essere una donna e una poetessa. Insieme agli sforzi dei poeti per dominare le poetesse, altri uomini che non sono poeti possono posizionarli diversamente. Ma il fatto che la poesia sia una pratica intellettuale non dovrebbe essere ignorato. Tuttavia, per la maggior parte delle donne in Oriente, scrivere poesie è un modo di essere, un modo di sopravvivere. È un atto rivoluzionario per le potesse esprimersi quando l'espressione delle donne è limitata ai lavori domestici, alla cura dei bambini e ad altre forme di servitù domestica. Helene Cixous dice "La lotta alla tradizione patriarcale è possibile solo con un discorso femminile". Per le donne, scrivere poesie diventa così un modo diverso di essere.

Con questa relazione tra donna e poesia in mente, parlerò ora del mio processo di composizione della poesia "Rajm". Ho già accennato a come la poesia affronti i problemi in generale; il soggetto di questa particolare poesia è la separazione e il modo in cui la separazione induce un'atmosfera oscura - la sensazione che, metaforicamente, io concepisca la realtà come se stessi gettando pietre contro di noi. L'atto della lapidazione ha un significato simbolico e antico nell'Islam.

Rajm è il tormento più selvaggio e crudele inflitto alla donna in Oriente. Una donna che tradisce il marito viene lapidata a morte. E nessuno ricorda Cristo che dice: "Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei". Rajm fornisce quindi immagini potenti perché ha una valenza simbolica e storica. L'umanità, ostile alla realtà, forse tenta di lapidare la propria debolezza. L’accumulo di sentimenti rende possibile associare rajm e separazione - in effetti, potrebbero essere l'unico modo per farlo. E questo è il sofisma del sentimento. Quindi ora la poesia stessa:


Fuori è la notte

dentro è la separazione


Al lettore viene dato il tema della separazione. Noi chiamiamo "notte" l'oscurità fuori; ma che dire dell'oscurità dentro di noi? Proprio come la notte copre tutto, anche lo stato d’animo copre tutto. Qui la notte e la separazione sono parallele. L'amore è finito e appare il dramma della separazione:

questo deve essere l'ultimo giorno

al mondo

-in cui penso a lui-.

Il poeta non considera che questo mondo è un mondo di possibilità. Il mondo è come una palla di creta che può essere modellata secondo lo stato d’animo.

L'amore finisce...

Il poeta accetta la possibilità che l'amore finisca. L'essere umano ha una grande capacità di accettare, di adattarsi e di abituarsi a nuovi eventi e stati di cose. L'amore può finire; la mente accetta questa realtà, ma il cuore?

Il cuore

rimane come una donna che è stata lapidata a morte

in mezzo alla realtà

Si può notare un conflitto tra mente e cuore, in questo punto. La mente è sottomessa, mentre il cuore è ribelle. Il cuore, come una donna, è esposto al male e sperimenta la sofferenza di questa testimonianza senza poter intervenire. La realtà sta davanti alla donna come una fossa dove potrebbe essere sepolta verticalmente, senza potersi muovere. Il "centro della realtà" in questa poesia è in parte legato all'affermazione di Heidegger che l'essere umano è "gettato nel mondo" e allo straniamento. "Rajm" ha quindi aspetti politici e femministi. L'immaginazione è la più grande arma per un poeta. È sempre discutibile chiamare poeta qualcuno che non usa alcuna immagine.

Mallarmé definisce il poeta come un "mistico laico". La mistica esistenziale ha un posto importante nella poesia. Ho scritto gli ultimi tre versi con questo misticismo in mente:


il mio cuore è la più grande

pietra che Dio ha gettato

contro di me

Qui Dio è tra la folla che lapida la donna, perché Dio è la voce patriarcale più forte che si sente. La sua pietra è la più grande - e colpisce la regione vitale al centro del petto. Questa è la pietra dell'esistenza. La donna sente di più il peso di questa pietra perché non è libera. Non può prendere le proprie decisioni né realizzarsi. Dopo queste tre righe, nasce un ulteriore misticismo - Come disse Wittgenstein, "Dove non si può parlare, bisogna tacere". Qui inizia la vita della poesia fuori dal testo.


Müesser Yeniay

Traduzione di Laura Garavaglia


MÜESSER YENİAY è nata a İzmir, 1984; laureata in Lingua e Letteratura Inglese presso l'Università Ege. Ha vinto numerosi premi di poesia in Turchia, tra cui Yunus Emre (2006), Homeros Attila İlhan (2007), Ali Riza Ertan (2009), Enver Gökçe (2013). Ha pubblicato vari libri di poesia tradotti in una decina di lingue e ha partecipato a Festival Internazionali di Poesia, tra cui, nel 2017, il Festival Europa in versi.


ENGLISH VERSION

The politics of writing poetry
.pdf
Download PDF • 121KB

Photo by eberhard grossgasteiger on Unsplash



82 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti