• La casa della poesia

La poesia è un lamento appena oltre il delirio


Ho iniziato a dilettarmi con la scrittura di poesie da adolescente alla ricerca di modi per esplorare le mie ossessioni, desideri e rabbia. Erano gli anni sessanta, comprai una chitarra e provai a scrivere testi di canzoni. Sono davvero arrivato alla poesia con l'aspettativa che potesse migliorare le mie capacità di compositore. La musica, a quei tempi, era il mio intero mondo, ed ero incantato da Leonard Cohen, Judy Collins, Joni Mitchell e The Incredible String Band. Dopo aver seguito un corso estivo di scrittura creativa, ho scoperto cosa poteva fare la poesia e non ho più considerato la canzone d’autore. Ho scoperto in poco tempo poeti che hanno scritto opere più stimolanti della musica che stavo ascoltando. Ho scoperto Michael McClure, Allen Ginsberg, Kenneth Patchen e Kenneth Rexroth. Quindi il mio percorso poetico è iniziato, più o meno, con il Beat. “Dark Brown” di McClure e “Meat Science Essays” insieme alle poesie di Ginsberg come "Who To Be Kind To" mi hanno stupito: poeti che nelle loro poesie riportavano le proprie provocatorie esperienze personali. Attraverso il Beat, ho scoperto Philip Lamantia, Bob Kaufman, Lenore Kandel e, a poco a poco, i surrealisti francesi che mi hanno affascinato. Paul Eluard, André Breton e Robert Desnos hanno trasformato la mia idea di cosa poteva essere una poesia. Più tardi, ho studiato Letteratura comparata alla Rutgers University con Nathaniel Tarn e mi ha fatto conoscere il poeta surrealista inglese e artista collage John Digby. Digby, forse più di tutti gli altri, ha avuto un'influenza profonda e duratura sulla mia scrittura e sulla mia vita. Ho viaggiato in Inghilterra per incontrarlo, e poi abbiamo visitato insieme Parigi, dove mi ha fatto conoscere molti surrealisti che conosceva come Joyce Mansour, che in seguito ho tradotto, Ted Joans, Jimmy Gladiator e sua moglie Salomé, Abdul Kader El Janaby e Haifa Zangana. Più tardi, Digby è trasferito negli Stati Uniti e siamo stati amici e collaboratori dagli anni Settanta. Nell'estate del 1972, ho ricevuto una borsa di studio per frequentare il Aegean Arts Center in Grecia. Ho trascorso l'estate scrivendo poesie e leggendo letteratura greca. Ho incontrato poeti come Alan Bold, Sinclair Beilas e Alan Ansen, la mia prima vera esperienza di quella che un altro amico ha definito "il cambiamento internazionale". Inoltre, sono stato presentato a tre poeti che mi hanno influenzato: Konstantinos Kavafis, Odisseas Elytis e Giorgos Seferis. In quei giorni, sono rimasto più colpito dalle poesie di Elytis come il "Il melograno pazzo" e dal "Il re di Asine" di Seferis o da tutte le poesie a tema storico di Kavafis. Peraltro, l'uso della storia e del mito sia in Kavafis che in Seferis hanno lasciato in me un'impressione duratura. In seguito mi sono interessato al misticismo e ho studiato sufismo, taoismo, induismo e buddismo.

Ma fino a circa cinque anni fa, ho scritto soprattutto poesie d'amore surrealiste. Poi ho iniziato a lavorare su un libro molto diverso, The Nakedness Defense (La difesa della nudità ndt) . È un libro di poesie che definisco “erotostoriche” che derivano dal mio costante interesse per l'erotologia. Si basa su un vero "dipartimento" o "ufficio" governativo, il “Dipartimento dei Piaceri Carnali insoliti” secondo Svetonio, che fu istituito da Tiberio per documentare le sue originali pratiche e ricerche erotiche. Nulla, ovviamente, rimane di un tale "dipartimento"; ciò nonostante, i risultati delle mie ricerche in forma di aneddoti poetici si trovano in queste poesie come un progetto di questo tipo. Ciò che ho tentato di fare con questo libro è sfidare la mia stessa doxa (un termine molto usato che deriva dall'antropologia e significa "conoscenza comune" o "ciò che è comunemente accettato"), in particolare nelle ipotesi e presupposti che ho riguardo alla sessualità.

Al liceo ho studiato francese. Al college, mi sono diplomato in inglese e in francese come seconda lingua. Durante gli anni del college, ho trascorso molto tempo a cercare le traduzioni della poesia francese a partire da Baudelaire, Verlaine, Rimbaud, Valéry e Apollinaire. Successivamente, ho scoperto poeti come Lorca, Neruda, Pessoa, Alexandre, Milosz, Ekelof, Akhmatova e Popa. Ho capito che questi poeti mi interessavano di più della maggior parte dei poeti americani contemporanei. Mi sono appassionato alle traduzioni e ancora lo sono. Dal francese ho tradotto due simbolisti americani, Stuart Merrill e Francis Vielé-Griffin, e in seguito ho tradotto alcune poesie di Joyce Mansour. Nel 2003 ho iniziato a tradurre dal persiano con il mio amico Mahmood Karimi-Hakak. Avevo studiato persiano per due anni alla scuola di specializzazione ed ero molto interessato al sufismo. Ho tradotto vari poeti dal farsi, tra cui, insieme a Mahmood, la prima traduzione integrale di Iraj Mirza, Love Me More Than the Others: Selected Poems of Iraj Mirza (2014 ). Iran Mirza è un poeta iraniano dell'inizio del XX secolo la cui poesia è vietata in Iran a causa delle sue credenze progressiste e del suo uso scioccante della sessualità.

La traduzione ti spinge ai limiti del linguaggio. È l'arte della somiglianza. Devi trovare un linguaggio per idee, modi di dire e sintassi che sono davvero estranei all'inglese. In questo modo, tradurre la poesia è sia frustrante che rigenerante. Scrivere la mia poesia è un'altra questione. La poesia è l'arte della precisione. Richiede la trasformazione e la distillazione di esperienze e sentimenti in immagini concrete, simboli e linguaggio figurato. Nel migliore dei casi, la poesia è un lamento appena oltre il delirio.

Ho avuto modo negli anni di viaggiare molto in India e in Oriente invitato a Festival ed eventi letterari.

Oggi non sono affatto pessimista riguardo alla poesia. Il bookmaker, a quanto pare, è un'arte morente e sarà sostituito da altri media elettronici, proprio come le riviste cartacee ora competono con quelle on line. La poesia, tuttavia, è diversa. Celebra, loda, protesta, si lamenta, addolora e descrive le vere emozioni umane. Credo che le persone che sono state svezzate da slogan e videogiochi stiano iniziando a cercare un significato in qualcosa di più profondo, qualcosa di più complesso, più visionario e credo che le persone saranno sempre attratte da quelle forme di espressione che sono intense, sottili, acute con qualsiasi mezzo siano disponibili. I nuovi scrittori troveranno la loro strada verso la poesia proprio come me, cercando modi per esprimere le loro esperienze, emozioni e avventure. La poesia è un dono che esprime sottili stati di consapevolezza per i quali non esiste altra lingua. I lettori, credo, ne sono attratti e cercano qualcosa di più profondo degli slogan pubblicitari e delle rime da buttare via.

Mi sembra che la poesia sia più importante in America di quanto non sia mai stata. I social media rappresentano la comunicazione in modo breve, banale, attuale. Ma la gente desidera qualcosa di più profondo, qualcosa che rivela significato invece di ignorarlo. I miei studenti sono stupiti quando scoprono l’intensità, la diversità e la densità che la poesia offre. Come la sua arte gemella, la canzone popolare, la poesia offre a chi la legge o la ascolta una rielaborazione personale delle proprie esperienze. La poesia offre a coloro che la scrivono l'opportunità di portare alla luce le loro esperienze più intime e significative attraverso un linguaggio che può essere condiviso con gli altri. Inoltre, la poesia è esplosa su Internet con siti Web, e-book, blog, riviste on line e Youtube.


Bill Wolak

BIOGRAFIA BILL WOLAK

Bill Wolak è un poeta, fotografo e artista di collage, che vive nel New Jersey e ha appena pubblicato il suo quindicesimo libro di poesie intitolato The Nakedness Defense con Ekstasis Editions. La sua poesia è apparsa in oltre cento riviste. La sua traduzione più recente con Mahmood Karimi-Hakak, Love Me More Than the Others: Selected Poetry or Iraj Mirza, è stata pubblicata da Cross-Cultural Communications nel 2014. Le sue traduzioni sono apparse su riviste come The Sufi Journal, Basalt, Visions International, World Poetry Journal e Atlanta Review. Il suo lavoro critico e le interviste sono apparsi su Notre Dame Review, Persian Heritage Magazine, Gargoyle, Southern Humanities Review e Prime Numbers Magazine.

Wolak ha ricevuto diverse borse di studio National Endowment for the Humanities e due borse di studio Fulbright-Hays per studiare e viaggiare in India. Nel 2007, è stato selezionato per partecipare a una delegazione per l'amicizia in Iran sponsorizzata dalla Fellowship of Reconciliation, la più grande e antica organizzazione di pace e giustizia interreligiosa d'America. Durante l'estate del 2010, Wolak ha ricevuto un'opportunità di studio sul campo in Cina e Giappone dal consorzio nazionale per l'insegnamento sull'Asia. È stato selezionato per essere un poeta protagonista ai festival in India cinque volte: al Kritya International Poetry Festival 2011 a Nagpur, al Hyderabad Literary Festival 2013, al Tarjuma 2013: Festival of Translators in Ahmedabad, al Hyderabad Literary Festival 2014, e al Goa Arts and Literary Festival 2017.

Di recente è stato un poeta protagonista al Festival internazionale di poesia di Mihai Eminescu a Craiova, in Romania; Europa in versi, sul Lago di Como, Italia; Festival internazionale della poesia di Pesaro, Pesaro, Italia; The Xichang-Qionghai Silk Road International Poetry Week, Xichang, in Cina; The Ethnofest, Pristina, Kosovo; the Chengdu International Poetry Week, Chengdu, Cina; e the International Poetic Conference, Poznan, Polonia.


For the english version click here


Photo by Paweł Czerwiński on Unsplash

46 visualizzazioni

©2019 Engineering by Alessandra Corbetta

 

Associazione culturale "La Casa della Poesia di Como" - Via Torno 8 - 22100 Como (CO) - CF 95102700135​

+39 371.1092926 - lacasadellapoesiadicomo@gmail.com

Privacy & Cookies Policy - Note Legali - Contributi e sovvenzioni