top of page

Materassi sul Danubio (mezzi sonetti)



Materassi sul Danubio (mezzi sonetti)

 di Zalán Tibor

 

Traduzione dalla versione in inglese di Laura Garavaglia nella collana dalla stessa diretta “Altri Incontri” - Le opere che illustrano la raccolta di versi sono di Paola Scialpi, collezione 0.15

 

Zalán Tibor è un poeta, traduttore e critico letterario ungherese, classe 1954. Ha ricoperto diversi incarichi accademici di grande prestigio. È considerato tra maggiori i poeti ungheresi contemporanei, puntualmente ospite di prestigiosi festival internazionali della Poesia. I suoi versi sono caratterizzati da una forte sensibilità lirica, da un uso sapiente della lingua e da una profonda riflessione sul mondo e sulla complessa condizione umana. Le sue poesie sono, nella maggior parte della ricchissima produzione editoriale del Nostro, intense e drammatiche, ma non mancano suggestioni e immagini delicate come i tenui barbagli di un tramonto. Questo autore, con la sua produzione varia e differenziata (sia perché profusa in ambito poetico sia perché attiva financo a livello performativo e teatrale) ha contribuito, in modo significativo, alla crescita della letteratura ungherese e mondiale. I suoi versi sono stati tradotti in numerose lingue, e hanno contribuito a far conoscere la letteratura ungherese al pubblico di diverse latitudini. Zalán Tibor è un poeta che merita di essere letto e apprezzato da un pubblico sempre più ampio. Operazione che grazie al supporto, cura e traduzione di Laura Garavaglia (Presidente della Casa della Poesia di Como, del Festival Europa in versi, curatrice della collana Altri Incontri e poetessa) è stato possibile ora attraverso i Quaderni del Bardo, far conoscere al pubblico italiano. (Stefano Donno)




 

Ucraina

 

Non mi preoccupo di ciò che accade nel mondo

ma i russi hanno attaccato l'Ucraina e questo

sta riempiendo di ansia Hallgat e anche te.

Ha visto pietre sanguinanti nel suo sogno

Di recente ha letto molto sul sogno

Morire - addormentarsi - e dormire Cerca di di evitare

Di sognare I sogni di mia madre sono puttane dice lei

Puttane che raccontano i sogni di mia madre Lei cerca di dormire

Cerca di dormire Cerca di addormentarsi Cerca di morire

La gente non è abituata a leggere questo di pomeriggio

In molti sogni lei scrive su pietre e tagli sanguinanti

Chiusa nel suo silenzio È in ansia per tutto

I russi hanno attaccato l'Ucraina Sta avvenendo

Il mondo non se ne occupa mormora Ansia

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commenti


bottom of page