top of page

Costruire un cubo di carta in solitudine: Poesie scelte


JON ANDIÓN (Madrid, 1984) è nato in una famiglia profondamente legata alla cultura, appassionandosi alla musica, alla letteratura e all'arte fin da bambino. Figlio di un cantautore ha studiato al Lycée Français di Madrid e ha conseguito le lauree in Giurisprudenza e in Scienze Politiche e dell'Amministrazione presso l'Università Carlos III di Madrid. Ha vissuto a Roma, dove ha studiato legge e lavorato nel mondo dell'arte per l'ufficio mecenatismo dei Musei Vaticani, oltre che a Los Angeles, in California, dove ha conseguito un Master in Diritto dello Spettacolo e Business presso la University of Southern California lavorando anche come consulente in materia di cinema e musica. È poliglotta e musicista. Attualmente lavora in una società di produzione audiovisiva di Madrid. Ha pubblicato "Palabras Invisibles" (Huerga & Fierro Editores, Spagna, 2011), "Soñar" (Huerga & Fierro Editores, Spagna, 2014), "Entre Cosas Salvajes" (Ediciones Perro Azul, Costa Rica, 2015),"La Mirada Abierta" (Casa de Poesía, Costa Rica, 2017), "El Sonido del Vigía" (Huerga & Fierro Editores, 2018) e "El Calor Oculto de las Cosas Rotas" (El Rayo Azul. Huerga & Fierro Editores, 2023). Dal 2012 partecipa anche a incontri letterari e festival di poesia, sia a livello nazionale che internazionale, come Cosmopoetica e il Festival Internazionale di Poesia della Costa Rica, e sue poesie sono pubblicate su riviste letterarie come Barcarola.


Immagine di copertina “Composition” di Liubov Popova

Poesie tradotte in italiano da Jon Andión

Revisione dei testi a cura di Laura Garavaglia


24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page