A Como, di poesia e altro

Nel periodo 11-14 aprile 2019 nella città di Como (Italia) ha avuto luogo la nona edizione
del Festival Internazionale di Poesia "
Europa in versi" dal titolo "La poesia e l’altro".

Hanno partecipato poeti provenienti da diversi paesi, giunti a Como per recitare e parlare di poesia.

 

1. Casa della Poesia

Laura Garavaglia, presidente del Festival Internazionale di Poesia e della Casa della Poesia, ha portato gli ospiti a recitare in sontuosi palazzi medievali chiamati „Case della poesia”.

E qui ho ripensato alla Casa della Poesia di Cociulia (Cantemir), unica nel suo genere in Moldavia, dove negli anni '70 Dumitru Dimcea invitò il sottoscritto e Grigore Vieru, a leggere versi.

 

2. La cattedrale della poesia

Nel giorno di apertura del Festival, siamo entrati per la benedizione nella vecchia cattedrale della città.

Siamo stati nella cripta dei santi cattolici, passo dopo passo. Erano sepolti dall'ingresso della cattedrale fino all'altare sotto le lastre di marmo incastonate nei nomi di poeti e santi dei secoli XI-XIII. Tre prelati dormono su un podio in una bara di vetro, con maschere d'oro, con le mani incrociate sul petto, come se dormissero nel pomeriggio, come contadini che hanno lavorato, fingendo sul volto di non essere disturbati dal passaggio dei curiosi e dalle recite dei pagani.

Padre Giovanni ci ha parlato dell’antichità della Cattedrale disegnando con una mano il labirinto presente sotto la cattedrale e con la destra pulendo il tabellone.

Lavora con entrambe le mani: firma con la sinistra e fa la croce con la destra.

Laura Garavaglia ci ha convinto che siamo in una cattedrale di poesie.

Ogni poesia risuona dentro di lei anche poche ore dopo che è stata pronunciata.

Quando siamo tornati alla sera, ho avuto l'impressione che alcune delle vibrazioni delle poesie lette al mattino continuassero a tremare nel suo respiro.

 

3. Moldavi a Como

Ho incontrato a Como anche i moldavi.

Mariana Siloci è nata in Italia. I suoi genitori sono di Causeni e lavorano in questa città. Lei è studentessa presso l’Enaip. Mi ha detto che non è mai stata a Causeni. E il romeno l’ha imparato a Como dai genitori. Olga Paci, di Sahaidac, è venuta apposta dalla Svizzera per farsi autografare il mio libro „Compito per domani”. Sua madre, Liuba Daicu, è stata una mia compagna di classe.

Olga passava liberamente dall’italiano al francese e poi al tedesco, aiutandomi a rispondere ai giornalisti, ai poeti e ai lettori.

Quando le ho detto che è una poliglotta mi ha spiegato:

Se vuoi lavorare in Svizzera devi presentare un certificato di conoscenza di queste tre lingue: italiano, francese e tedesco. Le ho poi chiesto pensando ai russi della nostra Moldavia che si rifiutano categoricamente di imparare anche solo qualche parolina di romeno: Anche i russi li presentano?

Anche i russi. I russi di qui si comportano diversamente che in Moldavia.

Ci sono molti moldavi in Svizzera?

Certo. Dov’è che non ci sono moldavi?

Dicevamo dei moldavi che sono gli spazzini dell’Europa, gli imbianchini d’Europa, i fabbri d’Europa. Ma Mariana Siloci di Sahidac, Angela Grigor di Orhei, Alexandra Sclearenco di Stefan Voda mi hanno convinto che sono anche i poliglotti dell'Europa.

 

4. Poetry Slam

Nel quadro del Festival „La poesia e l’altro” (questo è anche il titolo dell’antologia che include le poesie dei poeti partecipanti) era presente anche il Poetry Slam, una nuova direzione del fenomeno poetico.

Il fondatore del genere, Marc Kelly Smith di Chicago, che l’ha creato negli anni ‘80, era presente al festival.

Il poeta improvvisatore, che compone in viaggio, gioca coi testi, fa domande e risponde ad esse, ha detto: I miei libri non possono essere letti, devono essere ascoltati, visti, soprattutto da coloro che non amano la poesia.

La sua è una poesia-gioco, una poesia-teatro, una poesia-dialogo col lettore.

Lo scrittore di Slam si definisce Master of Ceremony (Maestro cerimoniere, come chiamiamo in Moldavia gli animatori dei matrimoni).

I poeti dello Slam provenivano da diversi paesi: Alexis Diaz Pimienta (Cuba), Evelyn Rasmussen Osazuwa (Norvegia), Roberta Estrela D'Alva (Brasile), Sam Small (Scozia), Laura Sam (Spagna) e altri. Hanno fatto spettacoli di poesia.

Un giovane ha mangiato il vetro del bicchiere che beveva mentre recitava, un altro giovane ha giocato a palla al ritmo della propria composizione; due poeti italiani - la poesia in due – sono andati acrobaticamente sugli sgabelli, raccontandosi storie l'un l'altro e cantando sotto la pioggia battente. Una giovane donna ha recitato, lanciando graffette che esplodevano di fronte alla scena. Le esplosioni inducevano gli spettatori a guardare le metafore. Mentre i poeti che non hanno letto le poesie di Slam si sono intercalati in recital. Presso l'Istituto "Orsoline San Carlo", il poeta turco Antaol Behramoglu, salendo sul palco, ha attraversato una capsula inesplorata assicurandosi uno straordinario applauso per le poesie ancora non lette. Gioco di poesie, dramma di poesie, linguaggio e idee di poesie, canzoni non scritte, spettacoli in cui sono coinvolti gli spettatori - questa è la poesia Slam.

C’è qualcosa tra la parola parlata e lo spettacolo teatrale. Lo spettatore è provocato. E deve rispondere alle domande del poeta, reagire, entrare in gioco. Siamo stati in contatto con i poeti Slam al Metropol-Suisse Hotel sulle rive del Lago di Como, dove gli ammiratori della poesia Slam sono venuti a presentare i loro recital nella hall dell’hotel la mattina e la sera. Poi, durante il giorno, ci siamo spostati da una stanza all'altra, da un recital all'altro, per ascoltare i cari poeti da cui imparare (il teatro, più che la poesia).

La poesia Slam non è una poesia diversa, ma una presentazione diversa per interessare il giovane lettore, “svegliarlo”, farlo cercare libri e poesie, ha affermato il critico italiano Roberto Galaveni del “Corriere della Sera”, presentatore del Poetry Slam.

 

5. I diplomatici della poesia

Il 13 aprile nel quadro del festival a Villa Gallia, a fianco della moltitudine di fan della poesia, sono stati presenti anche i rappresentanti politici della Lombardia e numerosi rappresentanti delle amministrazioni locali.

Da noi, agli eventi culturali, riconosci da lontano il politico, il quale, come una donna che sfoggia un nuovo abito davanti al mondo intero, viene non per l’evento in sé, ma per farsi vedere. Per tutti quelli venuti a sentire e a vedere la Poesia, non c’erano posti a sufficienza sulle poltroncine. Molti stavano in piedi, il che è meglio perché la poesia possa davvero essere ascoltata. Alla manifestazione c’era anche una delegazione dell’Accademia Europea di Scienza, Arte e Letteratura di Parigi, rappresentata dall’accademico Jean.Patrick Connerade, presidente, che in un discorso di saluto ha sottolineato il ruolo dei libri come mezzo di solidarietà tra i popoli: Credo nei libri che liquidano i confini del mondo. Presente era anche Sua Eccellenza Sergiu Goncearenko, console generale della Repubblica Moldava a Milano, venuto apposta per parlare delle mie opere. Lo ringrazio!

Mi sono piaciuti i giorni del Festival, ma anche quelli in cui ho presentato „Compito per domani” in varie città italiane, in cui ho scoperto una nuova generazione di diplomatici moldavi. Se fino a poco fa gli ambasciatori e i diplomatici nostrani conoscevano solo una lingua straniera a testa, vale a dire il russo, oggi la maggioranza di loro parla le lingue dei paesi dove esercitano la propria missione. E Sua Eccellenza, il console moldavo di Milano, Sergiu Rusu, ha parlato ai presenti prima della presentazione del mio romanzo a Varese in un italiano impeccabile.

I discorsi sono stati completati, a Varese dal console romeno di Milano, la signora Iulia Adriana Cupşa-Kiseleff, venuta per dirmi le sue impressioni in merito al mio libro, e a Como dal console romeno Daniel Zaneli, sembrandomi significativo il fatto che i rappresentanti dei due paesi di lingua romena si sono incontrati nella medesima sala, uniti dagli stessi argomenti. Sono sicuro che se dei libri possono unire delle persone, la cultura può unire due popoli divisi.

 

6. Como, come una poesia

La città si trova tra i monti sulle rive del lago di Como, limpide come una lacrima di Dio.

Tutto qui respira poesia.

Como stessa è una poesia non scritta.

Agli eventi di Como è stato affermato che la Poesia salverà il mondo.

Per ora, il mondo ha un compito: salvare la Poesia.

Ho incontrato in questa città lettori venuti da lontano per incontrare la poesia.

Se la porti nel cuore, la poesia è ovunque. Se non l’hai con te, non è da nessuna parte.

Aiutiamola a raggiungere l’anima di ciascuno, là dove c’è posto, là dove lei deve tornare per non andarsene più via.

 

Nicolae DABIJA

Como, 11-14 aprile 2019

©2019 Engineering by Alessandra Corbetta

 

Associazione culturale "La Casa della Poesia di Como" - Via Torno 8 - 22100 Como (CO) - CF 95102700135​

+39 371.1092926 - lacasadellapoesiadicomo@gmail.com

Privacy & Cookies Policy - Note Legali - Contributi e sovvenzioni