Sam Small James

06/03/2019

 

 

SAM SMALL JAMES – GRAN BRETAGNA GLASGOW (SCOZIA)

 

BIOGRAFIA

Scrive e legge poesie da oltre cinque anni. In questo periodo ha vinto due tornei, le finali scozzesi 2018 a Glasgow e le finali mondiali 2018 a Parigi. Gestisce Inn Deep poetry, ogni martedì nel West End di Glasgow e Poetry at St Louis in Partick il primo giovedì di ogni mese . La sua prima collezione 'Pure Toilet è stata pubblicata nel 2017 ed è disponibile all'indirizzo www.speculativebooks.net

 

 

 

LEVRIERO

 

Impudente come ogni giovane fa da sé la propria fortuna

Scommette sempre su di sé per vincere

Mai meno del primo posto

Ora ha più soldi di quanti ne potesse immaginare

Compra i biscotti migliori

Ciotole placcate d’oro

Piene della miglior acqua piovana, distillata tre volte

Spedita direttamente dalle Alpi svizzere

Dove il vento è frizzante e tutti i cani passeggiano da soli

Su montagne coperte di neve

Si leccano per pulirsi con l’ecstasy

 

Cade dietro la prima curva

Rompendosi le zampe e infrangendo i suoi sogni

La folla tace

Le donne giovani e belle distolgono lo sguardo

I bambini piangono e

Uomini vecchi vomitano nei loro cappelli neri

Girati all’insù nelle loro mani

 

Viene soppressa senza tanto rumore,

il mondo ha perso di nuovo,

le ricevute di quattro scommesse escono dalla sua tasca

ormai senza valore

 

Come tutti i cani amati defunti

Viene sepolta in profondità

La terra si fa terra

Viene restituita alla terra

“vermi e margherite”

La trascinano indietro verso il sole, lentamente

Viene mangiata da una mucca

Trasformata in bistecca

Messa sul piatto di una principessa

 

Finalmente al posto giusto

Sulla tavola della casa

 

 

 

SE SENTI DI NON VALERE NULLA, HAI RAGIONE.

 

Io sono terra ma non solo terra

Sono una mistura di roccia, argilla e resti organici

Terriccio

Dove cresce l’erba

Dove vivono le formiche

 

Io sono una formica

Sono lungo mezzo centimetro e vivo per quindici anni

Lungo processioni in fila indiana e dai cestini da picnic

Sollevo cose cento volte il mio peso

Comunico con i miei fratelli e le mie sorelle formica

Dico cose come “solleviamo il panino, ooora!”

 

Io sono un panino

Tagliato in obliquo e ho un sapore delizioso

La mia insalata è croccante

Così come il mio pane leggermente tostato

Il burro non cola dalla mia crosta

Non sono unto, non lascio neanche una macchia

Mi mettono, ben fidandosi, sul vecchio tavolo da picnic di quercia

 

Io sono un vecchio tavolo da picnic di quercia

Sono fatto a mano con amore e compassione

Potresti mangiare la tua cena su di me

Potresti nutrire la tua famiglia

Potresti scopare un paio di persone su di me

Sono resistente, verrò tramandato

Non mi gonfierò con l’acqua né mi rovinerò in inverno

Non verrò lasciato sul margine della strada fuori dal tuo appartamento

 

Io sono la strada fuori dal tuo appartamento

Vernice spruzzata ovunque e piena di buche

Pulisci le scarpe su di me un lunedì mattina

Vomiti il venerdì sera, fuori dal bordello, seduto su di me

Aspetto sempre alla fermata dell’autobus

Guardando le strade lunghe e dritte

Cercando il cuore della città

 

Io sono il cuore della città

Senzatetto, perseguitato e alcolizzato

Più di un fiume scorre attraverso me

Diviso dalla povertà

Guardo metà di me che muore di fame

Sputa una volta nel fiume Clyde se ti senti solo

Scruta l’orizzonte

Dove il fiume incontra l’oceano

Sempre se raggiunge l’oceano

 

Io sono l’oceano

(Se senti di non valere nulla, hai ragione)

Sono nero nel mio nucleo, abissi celati

Bagnato in tutti i posti giusti

La gente che abita vicino a me è felice

Sputa due volte nell’oceano se ti senti solo

Non posso essere l’unico

Guardami dallo spazio

Mentre ci precipitiamo verso il sole

 

Io sono il sole

Sono più vasto del tuo ego

Guardami andare

Come una dinamo al plasma incandescente

Conduco lo spettacolo

Sistemi interi orbitano intorno a me

Io sono solare

I pianeti e Plutone

Sbirciano al di là delle mie spalle

Io sono una stella

Forgiata in una supernova

Esplodo attraverso la galassia

 

Io sono una galassia

Lontana un miliardo di anni luce

La Via Lattea non è lontanamente alla mia altezza

Sono il pezzo grosso, il capoccia, il boss

C’è un altro centinaio di miliardi come me

Che formano l’universo

 

Io sono l’universo

Come una galassia

Come un sistema solare

Come il sole

Come la terra

Come l’oceano

Scruto l’orizzonte

Come un fiume

Una città o una strada

O un tavolo o un panino

O una formica

O la terra dove vivono le formiche

Io sono tutti loro

Loro sono tutto di me

e di te

 

Noi siamo tutto

Noi non siamo nulla

 

Noi non siamo mai stati e noi saremo sempre

Noi siamo idrogeno, ossigeno, nitrogeno e carbonio

Siamo uguali letteralmente a tutto

 

(Se senti di non valere nulla, hai ragione)

Quindi se senti di non valere nulla

Non sbagli

Vali esattamente come me

Vali esattamente come chiunque altro

 

Idrogeno, ossigeno, nitrogeno e carbonio

 

 

 

JOHNNY PENSA

 

Johnny pensa che funziona per le fighe, che vanno con gli uomini per soldi

Trascina i piedi e si beve le mance

Vaga verso casa annebbiata dalla droga

E a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

Johnny cerca di essere sé stessa

Si taglia i capelli e nasconde i testicoli

Si depila il petto e si dipinge le unghie

È alta un metro e novanta con un tacco dodici

Non esita quando si alza in piedi

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

A Johnny piace ridere e cantare

Ballare e scopare e succhiare grossi uccelli

Farsi scopare da uomini grossi e stupidi

Johnny adora la sua vita

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

Quando Johnny prova vince sempre

Gambe lunghe e sexy e pelle perfetta

Ti ipnotizza con gli occhi

Il genere di cagna che non si tira mai indietro

Tre dosi per ogni frocio e ha finito

Trova il posacenere e gli dà un colpo

Attraverso la stanza e lo centrerà sempre

Lo rovescia ci sputa e lo lecca

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

Va d’accordo con chiunque incontri

Fa sentire i suoi dischi agli strambi

Fuma in compagnia di strampalati

Si lecca le labbra per nascondere i denti

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

Perdona quelli che la insultano

Con parole come anormale strana e anoressica e innaturale

Un sorriso si allarga sul suo volto

Mentre calpesta con i tacchi le tombe degli eroi

Tiene svegli i vicini per giorni

Paga sempre l’affitto in ritardo

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

Johnny è forte e indomabile e vecchia

Sfinita e spenta e stanca e fredda

È appariscente e dura e grave e sfacciata

Distrutta e fatta a pezzi e dispersa e venduta

Si ferma e attende e si scherma gli occhi

Nasconde ogni lacrima che abbia mai pianto

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

(Johnny pensa)

La famiglia di Johnny pensa che stia bene

Non lo saprebbero se lei stesse impazzendo

Lei tende a tenere queste cose rinchiuse dentro di sé

Si sente un’idiota quando recita la parte del clown

Si sente sola circondata da amici

Ma sta molto meglio quando beve

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

I giorni sembrano ripiegarsi

Diventano stanchi e curvi e fanno male

Ancora, ancora, ha già visto tutto questo

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

Ultimamente Johnny è tremendamente stanca

Dorme fino a tardi e non è ispirata

Non lascia il suo appartamento se non è necessario

Guarda la pizza

Ordina YouTube

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

Johnny ha iniziato a prendere tranquillanti

La aiutano a dormire e la rendono felice

Non serve tenere il conto

Arrivano sempre quando ne chiede

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

Johnny non avrebbe mai fatto

Tutte quelle cose senza il rum

Senza il gin il vino e le pasticche

Senza la coca che la fa star male

Le entrano in circolo e la travolgono

Manca il respiro

Attacchi di panico

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

Sollevano Johnny dalla vasca da bagno

La trascinano con lentezza attraverso l’appartamento

Il corpo è esanime e ci fanno i loro comodi

Nel corridoio rimane una scia di goccioline

Macchie di sangue sul tappetino

L’acqua calda si raffredda velocemente in cucina

C’è la bozza di un biglietto

 

Dalle labbra di Johnny escono bolle in un bagno caldo nel weekend

La domenica mattina sembra il momento giusto per guardare la fine delle settimane

Forse le mancherà la sua povera vita e i suoi finti amici

Ma ne dubita

 

Un colpo echeggia nell’appartamento

Quando una goccia urta la vasca

(Johnny pensa)

Nel momento in cui cade dalla doccia

È tutto

È tutto finito

Finto in un secondo

 

Come lo scatto di un interruttore

O il sibilo di un’arma

È una lunga attesa mentre aspetto il suono di una sirena

Perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

Ho passato la giornata al pronto soccorso

Le infermiere sono stanche ma felici

Vedo gente che va e che viene

Un paio di ragazzi avanzati dal sabato sera

Con una mano e il naso rotti

C’è un ragazzino con una caviglia così gonfia

Che le sue scarpe non si chiudono

 

Lo vedo guardare con gelosia

I miei leggings e il fiocco al mio collo

Vorrebbe essere me

Lo vorrei anch’io, dieci volte

 

a volte qualcuno dice il suo nome

e io vorrei che tornasse

di nuovo al mio fianco

ci girava la testa

ho perso un’amante una regina e un’amica

 

ma immagino sia solo

semplicemente così

 

perché a nessuno frega niente di ciò che Johnny pensa

 

 

 

VIAGGIO NEL TEMPO

 

Il mio nome è Sam Small

Vengo dal futuro

Non ho tempo per spiegare

Ma è di vitale importanza

Lasciamo finire la fra-

BANG

 

x6

 

il mio nome è Sam Small

vengo dal futuro

lasciami

spiegare

sono vicino a sei dei miei stessi cadaveri

uno per ogni volta che ho viaggiato

c’è un me come donna

 

la prima volta che ho viaggiato nel tempo

sono tornato indietro per vedere i miei genitori

quando erano giovani

anni dopo quando sono nato in quella linea temporale

ero una femmina

non so cosa ho cambiato

ma dev’essere stato qualcosa di importante

non ero una bella donna però

ho sempre pensato che lo sarei stato

quindi niente di sorprendente

 

la seconda volta che ho viaggiato nel tempo

ho incontrato la mia stessa mamma

quando era incinta di me

è stato strano vedere il pancione che avevo occupato

ho salutato

le ho chiesto se fosse eccitata per la gravidanza

mi ha detto di sì

era da un po’ che provavano

pensavano che fosse impossibile

mi ha chiesto come mi chiamassi

le ho detto che non avrebbe voluto saperlo

ha detto che avevo un’aria familiare

sono sicuro che ci incontreremo presto

quello mi cambiò di nuovo

ero più alto

più massiccio

assomigliavo molto più a mio padre che a mia madre

non so quale momento degli incontri

ha determinato questi cambiamenti

non è una scienza esatta

ma ho continuato a viaggiare

(Viaggio nel tempo)

la terza volta che ho viaggiato nel tempo

sono tornato all’inizio

proprio all’inizio

ho cercato di provare che Dio non esiste

ho incontrato un falegname di nome Gesù

ma non ho visto nessun miracolo

mi ha detto che era a causa del mio tempismo

era colpa mia perché arrivavo tardi

ma non fa niente se te li sei persi

perché i suoi dodici amici laggiù

stanno scrivendo un libro su di lui

mi ha detto che non importava

anche se li avessi visti

avrei comunque voluto altre prove

ha detto ti amo Sam

so che hai fatto un lungo viaggio

ma a volte

devi solo avere fede

credo che certe cose non cambino mai

 

la quarta volta che ho viaggiato nel tempo

le cose hanno iniziato ad andare male

ho incontrato me stesso dal futuro

mentre ero nel passato

era la versione di me che avevo cambiato

incontrando Gesù

mi ha detto che ho davvero mandato il mondo a puttane

la Seconda Guerra Mondiale non è mai finita

i Beatles non sono mai esistiti

il sintetizzatore

la drum machine

il computer portatile non erano stati inventati

l’unico posto dove ora esiste la musica techno

è la tua memoria e la tua immaginazione

dobbiamo riportare tutti indietro

resettare la civiltà, perché

 

siamo esattamente dove vorremmo essere

non possiamo viaggiare nel tempo per cambiare la storia

se avessimo voluto essere dei subacquei

avremmo una bombola sulla schiena

e saremmo sott’acqua

se avessimo voluto essere un medico

avremmo studiato di più il quarto anno

se avessimo voluto essere sposati

avremmo fatto la proposta

se avessimo voluto essere sobri

avremmo smesso di bere

se volessimo conoscere le nostre origini

chiederemmo ai nostri genitori

(Viaggio nel tempo)

e se volessimo essere un poeta

staremmo scrivendo una storia di viaggio nel tempo

in un libro che è pura schifezza

 

ora dobbiamo viaggiare di nuovo nel tempo

spiegare il piano a me stesso nel passato

così posso dirti

di radunare tutte le versioni di noi

ingannale in modo che si suicidino

pensiamo di poterlo gestire?

Oh sì

E lo abbiamo già visto

Come tutto sia finito all’inizio

 

Ma l’ultima volta che abbiamo viaggiato nel tempo

Non abbiamo cambiato niente

Siamo solo andati alla fine della civiltà

Abbiamo visto la nostra reazione

Quando il sole ci ha inghiottiti nella sua fine

Ci ha messo un po’ a trovarci

Perché avevamo vissuto su Marte

Nell’ultimo millennio

Senza parlare con nessuno

Senza ammirare gli antenati

E il potere di un milione di discendenti

Non siamo andati ai concerti rock

Anche se i Rolling Stones erano ancora in tour

In un’ultima riunione per la popolazione della luna

 

Volevamo solo ricordare

Quanto siamo piccoli

Solo un piccolo puntino blu

Su una grande mappa nera

Tutti quelli che avevamo mai amato

Conosciuto o odiato

 

Ogni guerra

Ogni morte

Ogni bambino appena nato

È solo mezzo pixel

Sullo schermo che è questo universo

Perché non importa cosa vediamo, amico

Vorremo sempre avere più evidenza

L’intero lavoro di William Shakespeare

Ci sta in un solo fottuto e-book

A volte abbiamo solo bisogno di credere

Che ciò che facciamo

È buono

 

E ti amiamo, amico

(viaggio nel tempo)

Sappiamo che hai fatto molta strada

Ma a volte

 

Dobbiamo solo avere fede

 

 

 

TENEVI IL MIO CUORE IN UN BARATTOLO IN FRIGORIFERO

 

Quando ero un po’ più giovane

Non ti avrei permesso di tradirmi

Ti avrei fatto venire in metà del tempo

Sissignore

 

Ma ora sono un po’ più vecchio

Non credo che mi disturberei

Dipenderebbe dalla situazione

Non ha senso buttare nel cesso quattro anni di relazione

Per un bacio dato da ubriaco

O un ditalino mentre eri fatto

Una sega mentre eri sobrio

O una promessa infranta

 

Non hai risposto al telefono per quasi un giorno intero

Ci saremmo dovuti incontrare nei corridoi della tua università

C’era la festa a sorpresa del mio amico Fraser

Non puoi arrivare tardi a una festa a sorpresa

Devi arrivare un po’ in anticipo

Così puoi fargli una sorpresa

Per il suo compleanno

Ovvio.

 

Così ho bussato alla tua porta

Ti stavi preparando in fretta

Hai detto che stavi andando da tua mamma a Milngavie

Ma c’era un pacchetto di biscotti Millies sul comodino

Ciò vuol dire che non hai preso il bus

Altrimenti li avresti presi alla stazione centrale di Glasgow

A meno che tu non abbia fatto venticinque minuti a piedi

Deviando dalla strada solo per dei biscotti col cioccolato

Il che penso

Sia impossibile

 

Ma quando siedi li

Alla fine del letto

Dicendomi che mi ami

Con le lacrime agli occhi

Ti riporterò indietro ogni volta

Perché l’amore ti rende scemo

Stupido malato e cieco

 

E non è solo un tradimento

Su cui l’amore può farti sorvolare

C’è un qualche amabile comportamento

Che sto imparando a ignorare

 

Intendo, se mi svegliassi UNA VOLTA

E la cucina fosse in fiamme

(tenevi il mio cuore in un barattolo in frigo)

Il mondo sarebbe scusabile

È chiaramente un incidente

Hai detto che stavi cucinando la colazione

Le cose ti sono solo sfuggite di mano

Ma non c’era cibo nel forno

Nessuna padella sul fornello

Niente che anche solo ricordasse un uovo

Rotto sul piano del mobile

Solo tu

Una scatola di fiammiferi

Del liquido infiammabile e le tende

Fiamme alte due metri si arrampicano sui muri

La tua testa è reclinata all’indietro

Ridi maniacalmente

MWAHAHAHAH

Prendo l’estintore

E salvo il nostro nido felice

 

È successo QUATTRO VOLTE ormai

La mia libreria si sta davvero rovinando

Ho dovuto ricomprare tre copie

Di Edgar Allan Poe

 

Ma bisogna fare delle eccezioni

Non tutti sono perfetti

Né senza difetto

Per quello che so

 

È da sei anni che usciamo ormai

Ci siamo fidanzati la scorsa primavera

Dev’essere abbastanza importante

L’amore non trova tutti

Siamo qui insieme

Ci sposeremo a dicembre

Farà abbastanza freddo

Ma io ho te che mi tieni al caldo

(a causa dell’incendio)

 

Ci siamo trasferiti in una nuova casa

È diventata una cosa seria

Il mutuo le piante e gli animali domestici

Io ho preso un gatto di nome Techno

E tu un pesce di nome Casa

 

Ma un giorno sono tornato dal lavoro

Techno e Casa non c’erano più

Una pozzanghera di cocci di vetro

Sparsi sul pavimento

Rossi bagnati e pieni di pelo

I nuovi animali non c’erano più

 (Tenevi il mio cuore in un barattolo in frigo)

tu hai detto che è stato un incidente

il gatto era caduto saltando

ma ho trovato il suo cuore sotto il frigo

poi ho trovato il suo racconto

 

quello fu più duro da ignorare

da tirare fuori dalla mia testa

come la polizia che ha bussato alla porta

quando tu non c’eri

 

la prima volta ci siamo incontrati alle cinque del mattino

in un appartamento del West End

la festa di una festa

l’amico di un amico

ci siamo salutati sul tappetino

ci furono lamentele per rumori moleste e la gente era sempre meno

sei tornarono

poi diventarono cinque poi quattro poi tre

poi solo noi due soli

e siamo rimasti lì così

bloccati

abbiamo continuato

 

ma ora ti arrabbi

per ogni minima cosa

lividi a forma di dita

brulicano sulle tue braccia

 

vestiti insanguinati nel cestino del bucato

non riconosco

quel vuoto sguardo scuro e fuggente

morto dietro i tuoi occhi

 

come il piccolo Chris

che viveva due porte più giù a Goven

un’estate non lo trovarono più

tu sei stato l’ultimo a vederlo vivo

alla stazione di polizia

è ciò che ci hanno detto

quando ti hanno fatto domande

 

lo hai davvero legato

lasciato nel tuo ufficio

quella stanza dove non potevo entrare

IN NESSUNA CIRCOSTANZA

Dico , a cosa ti serve un ufficio

Se sei disoccupato

 

Lo hai davvero fatto a pezzi

Mangiato i suoi organi vitali

 (Tenevi il mio cuore in un barattolo in frigorifero)

Tenuto i suoi occhi in un barattolo

Prima di darlo da mangiare a me e tutti i nostri amici

La gente pensa che io sapessi

Pensano che io sia colpevole

Com’è possibile che io non abbia notato

Che io non abbia visto i segnali

Sono stato innamorato di un serial killer per un quarto della mia vita

 

Una mano alzata a Dio

Non mi è nemmeno mai passato per la testa

Perché l’amore ti rende scemo

Stupido malato e cieco

 

Ma penso che tu mi abbia amato

Perché mi hai ucciso nel sonno

Quella sera hai cucinato uno stufato fatto in casa

Non ho saputo riconoscere

la carne

 

tu hai bevuto gin e io ho bevuto rum

abbiamo fatto l’amore sul tavolo

abbiamo fumato

e siamo andati a letto

con un gran sorriso

 

e io penso che tu mi abbia davvero amato

nel tuo modo unico e speciale

hai sviscerato tutti i miei organi

niente è andato sprecato

le mani piene di carne e sangue e polmoni

il contenuto dello stomaco

denti e arti

 

hai tagliato via il mio cuore

l’hai messo in un barattolo

e l’hai tenuto sotto il frigo

 

 

 

_

 

 

 

BIOGRAPHY

He had read and written poems for more than five years. In this period he won two tournaments, the 2018 Scottish finals in Glasgow and the 2018 world finals in Paris. He runs “Inn Deep poetry”, every Tuesday in the West End of Glasgow and “Poetry at St Louis in Partick” on the first Thursday of each month. His first collection “Pure Toilet” was published in 2017 and is available at www.speculativebooks.net

 

 

 

IF YOU FEEL WORTHLESS, YOU'RE RIGHT

 

I am dirt but not just dirt

I'm a mixture of rock, clay and organic remains

top soil

where grass grows

where ants live

 

I am an ant

I am half a centimetre long and live for fifteen years

long single-file lines to and from picnic baskets 

lifting things a hundred times my body weight

communicating with my ant brothers and ant sisters 

I say things like "lift the sandwich, nnnnnnnow!"

 

I am a sandwich

I'm cut diagonal and taste fantastic

My salad is crunchy

as is my lightly toasted brown bread

Butter does not seep through my crust

I am not greasy, I don't not leave a stain

I'm am placed confidently on the old oak picnic table

 

I am an old oak picnic table

I was hand made with love and compassion

You could eat your dinner off me

You could feed your family

You could fuck a couple people on me

I'm sturdy, I will be passed down

will not be warped by rain or ruined by winter

will not be left on the street outside your flat

 

I am the street outside your flat

paint splattered and potholed

you scuff your shoes on me on Monday morning

you're sick on Friday night, outside the chippy, sitting on me

I'm always waiting at the bus stop

looking down long straight roads

searching for the heart of the city

 

I am the heart of the city

Homeless, haunted and alcoholic

I am broken by more than a river

Split by poverty

watching half of me go hungry

Spit in the Clyde one time if you're lonely

Look to the horizon

where the river meets the ocean

if it reaches the ocean

 

I am the ocean 

I am black at my core, hidden depths

wet in all the right places

Happy people live near me

Spit in the ocean two times if you're lonely

I cannot be the only one

Watch me from space

as we hurtle round the sun

 

I am the sun

I'm bigger than your ego

Look at me go

A hot plasma dynamo

Running the show

Systems revolve around me

I am solar

Planets and Pluto

Looking over my shoulder

I am star

forged in a supernova

Exploding across the Galaxy

 

I am a galaxy

A billion light years across

The milky way aint' got nothing on me

I'm the head honcho, top dog, the boss

There is another hundred billion of me 

Making up the universe

 

I am the universe

Constantly expanding

From a single point of focus

That was Hydrogen, Oxygen,

Nitrogen and Carbon 

 

I am the universe

The same as a Galaxy

The same as a solar system

The same as the Sun

The same as the earth

The same as the ocean

looking over the horizon

The same as a river 

Or city or a street

Or a table or a sandwich

Or an Ant

Or the dirt in which ants lives

I am all of them

They are all of me

and you

 

We are everything

We are nothing

 

We never have been and we always will be

We are hydrogen, oxygen, nitrogen and carbon 

We are the same as literally everything

 

So if you feel worthless

you're not wrong

You're worth the same as me

You're worth the same as everyone

 

hydrogen, oxygen, nitrogen and carbon 

 

 

 

YOU KEPT MY HEART IN A JAR IN THE FRIDGE

 

When I was a bit younger

I wouldn’t have let you cheat on me

I would have broke it off double quick

Yes sir

 

But now I’m a bit older

I don’t think I’d bother

It would depend on the situation

No point throwing a four year relationship in the toilet
Over a drunken winch

Or an eckied fingering

A sober hand job

Or a broken promise


You didn’t answer your phone for nearly a whole day
We were meant to be meeting at your university halls
It was my mate Fraser’s surprise birthday party
You can’t be late to a surprise birthday party
You have to get there a bit early

So you can surprise him

For his birthday
Obviously.

So I knocked your door
You were hurriedly getting ready
Said you had no single at your mums in Milngavie
But there was a packet of Millies cookies on the bed side table
Which means you didn’t get the bus
You would have got them in Glasgow central
Unless you walked twenty five minuets

Out of your way to get some double choc-chip
Which I think

Is unlikely

But when you’re sitting there

At the end of the bed

Telling me you love me

With tears in your eyes
I’ll take you back every time
Cause love makes you silly

Stupid sick and blind

And its not just cheating

That love can make you rethink
There’s some pretty weird behaviour

That I am learning to ignore
 

I mean if I’d woken up ONCE

And the kitchen was on fire
That would be excusable

Clearly an accident

You said you were cooking breakfast

Things just got out of hand
But there was no food in the oven

No frying pan on the stove
Nothing even resembling an egg

Broken on the work top

Just you

A box of matches

Lighter fluid and a set of curtains

Six foot high flames climbing up the walls
Your head tilted back

Laughing maniacally
MWAHAHAHAHAHA
I grab the fire extinguisher
and save our happy home

 
That’s happened FOUR times now
It’s really fucking up my library

I’ve had to buy three copies
Of Edger Allan Poe

But you’ve got to make exceptions
No ones perfect
Not flawless

That I know
 
We’ve been going out six years now
We got engaged last spring
This must be pretty special
Love doesn’t find everyone
We’re in this together
Getting married in December
It might be pretty cold
But I’ve got you to keep me warm
(because of the fire)

We moved into a new house
Really getting serious
Mortgage plants and pets
I got a cat called techno

You got a fish called house

But one day when I came home from work
Techno and House were gone
A puddle made of broken glass
Strewn across the floor

 

Red and wet and full of fur
The new pets were no more
You said it was an accident
The cat had jumped and fell
But I found his heart under the fridge

Then I found his tale

That was harder to ignore

To just put our my mind
Like the police who nock on the door
when you were not around

 

We first met at five AM

In west end flat

A party to a party

Friend of a friend

Said hello on the mat
Noise complaints and dwindling numbers

Six came back to mine

That became five then four then three

Then just us two alone
And we’ve stayed like that
Stuck it out

Continued on  

 

But now you fly right off the handle

And the slightest little thing
Bruises shaped like fingertips

Running down your arms

 

Bloody clothes in the washing basket

I do not recognise
That empty dark avoiding stare

Dead behind your eyes

Like little Chris

Who lived two doors down in Goven
Went missing in the summer
You were the last to see him alive
At the police station
That’s what they told us
When they questioned you inside

 
Did you really tie him up
Leave him in your office
That room I was never allowed in
UNDER ANY CIRCUMSTANCES
I mean why do you even need an office
You’re fucking unemployed
Did you really cut him up in little pieces
Eat his vital organs
Keep his eyes in jar
Before feeding him to me and all our friends

 

People think I knew
People think I’m guilty

How could I not notice
Could I not see the signs
I’ve been in love with a serial killer
For a quarter of my life

With one hand up to God
It never even crossed my mind

Cause love makes you silly
Stupid sick and blind

But I guess you must have loved me
Because you killed me in my sleep
That night you cooked a home-made stew
I could not identify

The meat
 

You drank gin and I drank rum
Made love at the table
Smoked a J
And went to bed

With a great big smile

And I guess you really loved me
In your own special way
You cut out all my organs
Nothing went to waste
Hands full of flesh and blood and lungs

Stomach contents

Teeth and limbs
 

Ripped out my heart
Kept in a jar
And stored it in the fridge

 

 

 

 

 

 

Please reload

©2019 Engineering by Alessandra Corbetta

 

Associazione culturale "La Casa della Poesia di Como" - Via Torno 8 - 22100 Como (CO) - CF 95102700135​

+39 371.1092926 - lacasadellapoesiadicomo@gmail.com

Privacy & Cookies Policy - Note Legali - Contributi e sovvenzioni