Versi di Basilio Luoni

08/08/2016

Pubblichiamo la poesia GANIMEDE di Franco Buffoni, nostro ospite a EIV 2016.

 

GANIMEDE

 

Mônt e cepp trasparent, aria celesta,

praa d’erba curta, pegôr

che trema in d’ôn cantôô,

cagnett bionch ch’el bôia desperaa

contra l’ômbria che côme ôna tampesta

la inversa i foeuj di rôgôl, la streng

in di ôn gel padrôô:

el pais l’eva ôn oltrô.

 

Ma l’è sôa la carna: l’è luu

levaa in ari, côn broma e pagura

in del stess temp. El sent

el vent che ghe strozza giò la gôla

el vers, el sent la valetta

de pissa quond tevedina,

rôsada ciara ciara,

giamô la s’è inviada.

 

GANIMEDE

 

Monti e balze trasparenti, aria azzurra,

prati rasati, pecore

tremanti in un angolo,

cagnetto bianco che latra disperato

contro l’ombra che come un fortunale

rovescia le foglie delle querce, stringe

fra gli artigli il padrone:

il paese era un altro.

 

Ma è la sua carne: è lui

sollevato nell’aria, con desiderio e terrore

insieme. Sente

il vento che gli strozza in gola

l’urlo, sente il rivoletto

di orina quando tiepida,

rugiada chiara chiara,

già gli è scappata.

 

 

 

 

 

Please reload

©2019 Engineering by Alessandra Corbetta

 

Associazione culturale "La Casa della Poesia di Como" - Via Torno 8 - 22100 Como (CO) - CF 95102700135​

+39 371.1092926 - lacasadellapoesiadicomo@gmail.com

Privacy & Cookies Policy - Note Legali - Contributi e sovvenzioni