Versi di Milan Richter

06/06/2016

Pubblichiamo la poesia Smutné oči slečny Aless/Gli occhi tristi di Signorina Aless, scritta dal poeta sulla scia delle ispirazioni lasciate da EIV 2016.

 

Smutné oči slečny Aless

 

Máš oči veľmi smutné – čosi
ako zvuk nabrúsenej kosy


ma páli v srdci, suchej studni.
Vravím ti: Aless, nezabudni,


čo sa ti stalo – iba zo dna
oživiť dá sa tvoja zvodná


krása, jej plameň tichší tích...
Máš oči veľmi smutné, v nich


zračí sa každá strata, cara.
Život sa ešte nezatvára,


bránu má pre nás dokorán.
Vojdi doň hlbšie, zbav sa rán


úsmevom, ten ti svedčí. Buď
A-more a nie A-less, mio cuore,


vyznávaj lásku mozgu, jeho kôre
a zviera Smútok neprebuď.


Daj zbohom plaču, všetkým plačom.
Mám na to liek: un lungo bacio

 

GLI OCCHI TRISTI DELLA SIGNORINA ALESS


Hai gli occhi molto tristi – qualcosa
come il suono di un’affilata falce


mi arde nel cuore, disseccata fonte.
Voglio dirti: Aless, non dimenticare


quanto ti è accaduto – solo dal fondo
può riprender vita la tua bellezza


seducente, una fiamma di ogni silenzio più silente...
Hai gli occhi molto tristi, occhi in cui


ogni perdita traspare, cara
la vita non si è chiusa ancora,


tiene per noi le sue porte aperte.
Addentrati più in là, lìberati dalle ferite


con un sorriso, quello ti si addice, A-more
devi essere e non A-less, mio cuore,


dichiara amore alla tua corteccia cerebrale
e la bestia Tristezza non risvegliare.


Al pianto, a tutti i pianti, dai l’addio.
Un lungo bacio: è questo il mio rimedio.

 

(Traduzione di Alessandra Mura)

 

Please reload

©2019 Engineering by Alessandra Corbetta

 

Associazione culturale "La Casa della Poesia di Como" - Via Torno 8 - 22100 Como (CO) - CF 95102700135​

+39 371.1092926 - lacasadellapoesiadicomo@gmail.com

Privacy & Cookies Policy - Note Legali - Contributi e sovvenzioni